U20 Quinto Pieve 65 90

A Quinto arriva il … quinto referto rosa stagionale in trasferta per la Under 20 (65-90)

U20 Quinto Pieve 65 90
Campionato Under 20

6a giornata di ritorno

POLISPORTIVA SAN GIORGIO QUINTO – BASKET PIEVE 65-90

Polisportiva San Giorgio Quinto: Milan 4, Fucile 2, Danesin 3, Sottana 14, Baldi 25, Vasilili 12, Continetto 2, Vanin, Filippini 3.
Allenatore: Marco De Toffol.

Basket Pieve ‘94: Giometti 17, Dal Cin 9, Zoppas 7, Dorigo Lorenzo 15, Sech 15, Finocchiaro Tommaso 2, Dalla Val 18, Spadetto 7.
Allenatori: Mauro Seno. Vice allenatore: Alessandro Finocchiaro.

Arbitri: Biasiutti Stefania di Paese e Bianchin Lorenzo di Casier.

Parziali:  13-27, 30-52; 42-74, 65-90.

Note: POL. SAN GIORGIO: TL 6/12, T3P 10/24 (Danesin 1, Sottana 2, Vasilili 4, Baldi 2, Filippini 1). BASKET PIEVE ’94: TL 8/15, T3P 12/30 (Giometti 5, Dal Cin 2, Dorigo 3, Sech 1, Spadetto 1).

Quinto di Treviso

Si sono divertiti i pochi spettatori che hanno assistito all’incontro tra i nostri Under 20 e i padroni di casa della Polisportiva San Giorgio nella partita giocata a Quinto: per il buon gioco espresso, per il punteggio complessivo e per la grandinata di triple (ben 22, un record!) che le due squadre hanno saputo mettere in fondo alla retina.

Ci presentiamo sul parquet con i giocatori contati (solo otto) e quindi con la necessità di fare molte rotazioni anche perché alcuni ragazzi non si sono allenati causa gita scolastica: gli avversari partono meglio di noi, forti di una supremazia a rimbalzo, ma dopo 5′ del primo periodo prendiamo le loro misure e con un gioco migliore e con buone percentuali al tiro chiudiamo in quarto con un buon vantaggio sul 13–27.

Lasciamo sfogare un po’ gli avversari alla ripresa del gioco, ma poi riprendiamo in mano le redini dell’incontro e con una buona rotazione di palla riusciamo a mettere sempre un uomo con un tiro aperto e sfruttiamo così l’ottima vena di tutti i nostri giocatori, chiudendo con considerevole vantaggio di 22 punti (30–52) la prima metà dell’incontro.

Al rientro in campo dopo la pausa lunga il coach alterna saggiamente il gioco a uomo e a zona per risparmiare fiato e corsa per tutto l’incontro: le squadre si allungano e in difesa lasciano a desiderare (soprattutto gli avversari), cosicchè comincia un festival di tiri da tre che fa divertire tutto il pubblico presente: il divario di incrementa fino al 42-74 per noi di fine terzo periodo.

Con una partita che ormai non ha più nulla da dire, possiamo permetterci anche il lusso di lasciare che gli avversari vincano l’ultimo quarto mettendo cinque triple di fila e chiudendo con un ampio vantaggio (65-90) la fruttuosa trasferta trevigiana.

Complimenti ai nostri ragazzi perché se è vero che giocavano contro una squadra che veleggia negli ultimi posti della classifica, è altrettanto vero che tutti gli effettivi hanno interpretato bene l’incontro, sono andati a referto e molti hanno raggiunto il record di punti stagionali.

Livio Dal Cin